implantologia a carico immediato

Implantologia a Carico Immediato

La Scuola Odontoiatrica Svedese ha recentemente sviluppato una tecnica di inserimento protesi davvero innovativa, che va a sostituire tecniche precedenti ormai remote, come quelle della scuola odontoiatrica italiana.

L’Implantologia può giovarsi di queste ultime eccezionali scoperte, che prendono il nome di Implantologia a Carico Immediato.

Di cosa si tratta?
Innanzitutto è bene spendere due parole sulla pratica di sostituire gli elementi dentali ormai perduti, a causa di traumi o malattie degenerative, con degli strumenti protesici. La sostituzione si rende necessaria non solo per un discorso estetico: l’edentulismo totale o parziale è davvero fuori dai canoni dell’estetica.

L’importanza dell’applicazione delle protesi sta tutto nel tentativo di ripristinare le normali funzioni fisiologiche compromesse, che non si riducono alla sola masticazione, ma comprendono anche la respirazione, la fonazione e la digestione.

Il medico implantologo procede inizialmente con l’inserimento degli impianti dentali necessari all’aggancio della futura protesi all’interno del cavo orale. Tali impianti consistono in viti e perni da inserire all‘interno delle ossa mascellari e mandibolari.

Proprio la scelta del titanio per la loro fabbricazione, ha decretato la possibilità di sviluppare nuove tecniche implantologiche. Il titanio infatti risulta essere totalmente biocompatibile, e permette di ridurre al minimo i fenomeni di rigetto dei corpi esterni da parte dell’organismo.

Con le tecniche successive a questo punto era necessario attendere un determinato periodo utile al monitoraggio delle condizioni della salute del paziente. L’attenzione era focalizzata proprio sul livello di osteointegrazione degli impianti con le ossa.

Se il risultato era soddisfacente si procedeva con l’inserimento della protesi. Con il carico immediato invece, il congegno protesico viene applicato subito dopo aver inserito perni e viti.

Questo proprio grazie allo sviluppo delle conoscenze sulla biocompatibilità dei materiali, oltre all’assistenza fornita da alcuni software in grado di rendere più rapidi e precisi gli interventi.




Il concetto di implantologia a carico immediato e differito si trova in Implantologia quando si fa riferimento a due particolari tecniche di inserimento delle protesi all’interno del cavo orale dei pazienti.

Le due diverse tecniche traggono la loro origine dagli studi di quella che viene definita la Scuola Italiana (carico differito) e dalla Scuola Svedese (carico immediato). La seconda, molto più recente, può essere vista come uno sviluppo ulteriore della prima.

La differenza è sostanziale, e la sua creazione è risultata possibile dai passi avanti fatti dalla Medicina Odontoiatrica nell’ambito della biocompatibilità e la osteointegrazione dei materiali usati per la fabbricazione delle viti e dei perni da inserire nelle ossa coma punti di appoggio delle future protesi.

Si deve agli studi del Professor Branemark la scelta del titanio per le sue caratteristiche ideali per gli scopi preposti. Il titanio infatti riduce al minimo le percentuali di rigetto da parte dell’organismo dei corpi esterni inseriti.

La precedente tecnica del carico differito, che di certo scontava la scarsa conoscenza delle qualità osteointegrative dei materiali, prevedeva l’inserimento dei perni e quello delle protesi in due interventi diversi, eseguiti a distanza di tre - sei mesi l’uno dall’altro.

Il tempo trascorso era necessario a garantire la compatibilità e monitorare l’eventuale comparsa di rigetti.

Siti di studi dentistici per trattamenti di implantologia a carico immediato

- www.dentista-pescara.it
- www.dentista-napoli.it

Siti web dedicati all'implantologia e ai professionisti di settore

- www.implantologiatransmucosa.it